Vacanze nel verde... smeraldo: in Irlanda!


Vacanze nel verde... smeraldo: in Irlanda!

Quando senti parlare dell’“Isola di Smeraldo”, non puoi sbagliarti: è l’Irlanda, che si affaccia nel nord dell’Oceano Atlantico, perennemente lambita dalle sue correnti, che le conferiscono un clima piuttosto umido e instabile. Così, non puoi immaginare l’Irlanda senza quelle nuvole che arrivano improvvisamente in una giornata di sole e ti coprono di pioggerellina portata dal vento, che ti solletica il viso.

 

I Solari di Rimini - Conor Pass Irlanda

 

Ma l’Irlanda fa soprattutto pensare a verdissimi prati coperti di trifogli, divisi da muretti a secco e siepi, a scogliere a picco sul mare, a colorate casette coi tetti in paglia, alla musica tradizionale e non, suonata in ogni angolo delle strade e nei pub dalle insegne dorate, alle stradine strette e ondulate delle campagne, e alla gente cordiale che ti fa sentire a casa. Impossibile non innamorarsi!

 

È meta molto ambita in estate. Per questo, se stai sognando di andarci, ti consigliamo innanzitutto di privilegiare maggio e giugno, con meno turisti in giro e un clima meno variabile.

 

Noleggia per tempo un'auto (attenzione alla guida a sinistra!) o un’house boat lungo i fiumi come lo Shannon, oppure meglio ancora, pianifica trekking o tour in bici su brevi percorsi: è il modo migliore per scoprire i posti più nascosti e più belli. Per i mezzi pubblici, puoi contare su ferrovie e autolinee, che prenotatati in anticipo sono economici, anche se non coprono tutto il territorio.

 

Alloggia in bed & breakfast, quasi sempre a conduzione familiare: l’accoglienza è straordinaria e potrai apprendere dai proprietari storia, aneddoti e consigli sui luoghi da visitare, che raramente trovi nelle guide turistiche. D’estate prenotali con largo anticipo. In altri periodi periodi, salvo in quelli festivi (Halloween, Natale, San Patrizio, Pasqua), puoi avventurarti prenotandoli sul posto, presso i punti informazione, cercandoli anche tappa dopo tappa.

 

I must-see sono tutti indicati nelle miriadi di guide disponibili ma una sosta di almeno un paio di giorni nella capitale Dublino, è obbligatoria, una città vivace e multiculturale, dove la musica e le arti e sono protagoniste. È il luogo per eccellenza della movida irlandese, al quale seguono città come Galway, Cork e Limerick, animate da studenti e giovani lavoratori.

 

Se però vuoi immergerti nell’Irish heritage, il ricchissimo patrimonio storico, meritano almeno una visita i siti di Newgrange, Knowth, Dowth, Clonmacnoise, Glendalough, Rock of Cashel. Tutta l’Irlanda è disseminata di resti archeologici, tumuli, cerchi di pietre, abbazie, castelli, torri e favolose dimore storiche (per esempio, Muckross, Kylemore...) nei cui verdissimi parchi è un sogno perdersi.

 

Borraccia Ecologica Officina dell'Acqua - Conor Pass Irlanda

 

Ma qui è la natura a far da padrona. Ancora intatta, priva di cementificazione, e modellata solo dai venti e dall’erosione del mare. Puoi perdere lo sguardo fra le Cliffs of Moher, luogo emblematico d’Irlanda, popolato dai Pulcinella di Mare, come fra gli scenari selvaggi delle isole Aran, da scoprire in bicicletta. Oppure lungo il Ring of Kerry e il Ring of Dingle, due anelli che corrono intorno alla costa delle due omonime penisole. Tra i due preferiamo il secondo (alcuni scorci sono ritratti nelle nostre foto), meno frequentato dai turisti ma altrettanto emozionante: infiniti prati verdi che si tuffano su scogliere battute dall’oceano, fra le quali si aprono calette di un blu cobalto, scenario di alcuni episodi di Star Wars!

 

L’Irlanda è una delle nostre mete preferite, così come lo è stata anche all’inizio di questa estate, facendoci tornare con un’insolita abbronzatura... La latitudine inganna e fa sembrare il sole innocuo ma conviene sempre portarsi un cappello e una buona crema solare (anche una SPF 50, validissima quando il sole picchia!). Indispensabile la borraccia ecologica, caricata nel bagaglio in stiva (come abbiamo fatto noi) e da riempire prima di ripartire ogni giorno, che può salvarti dall’arsura: in quest’isola è raro trovare fontane pubbliche. Gli irlandesi, si sa, amano la birra. :-) E noi amiamo l’ambiente!

 

Borraccia Ecologica Officina dell'Acqua - Dingle Irlanda

 

Proprio quest’estate del 2018 è stata registrata come anomala e calda in Irlanda, con temperature fino a 27 °C, sei gradi in più rispetto alle temperature medie locali di questa stagione e nemmeno una goccia per settimane. Non avveniva dal 1976, e sta creando numerosi problemi agli irlandesi, non abituati ad affrontare climi secchi per un lungo periodo, con la terra più arida e gli animali al pascolo in sofferenza. Quel verde smeraldo è sempre più a rischio!

Sicuramente colpa dei cambiamenti climatici, esasperati dalle nostre azioni e dai nostri stili di vita sempre meno sostenibili. Per questo, quando metteremo ancora piede in Irlanda, dovremo essere sempre più attenti a lasciare un’impronta più leggera possibile!

 

 

Commenti Scrivi un commento

Nessun commento inserito. Scrivi tu il primo!