Non fare l’orso! Vai a vederlo in Canada, con i nostri consigli! :-)


Non fare l’orso! Vai a vederlo in Canada, con i nostri consigli! :-)

 

Da piccoli i nostri nonni ci cantavano una canzoncina che ci faceva immaginare il Canada popolato da casette “con tanti pesciolini e tanti fiori di lillà”. Hai voglia di scoprire se è veramente così?

È il secondo stato più grande del mondo dopo la Russia, con una superficie di oltre 9 milioni di km2! Chi ha avuto la fortuna di visitarne almeno una parte, sa bene che il paesaggio canadese va ben oltre le casette colorate in legno e i giardini perfettamente curati (a tal proposito, sapevi che lì trascurare il giardino di casa è una dimenticanza che può costare una multa?)!

 

Se lontanissimo è il Canada occidentale, quello della bellissima Vancouver, dei grandi parchi e degli orsi Grizzly, un’idea del meraviglioso paesaggio può già dartela il più vicino Canada orientale, affacciato sull’Atlantico, separato dalla nostra penisola da circa nove ore di volo. Qui il Québec e l’Ontario sono le province più battute dal turismo interessato alle testimonianze storiche ma soprattutto a itinerari naturalistici alla portata di tutti.

 

Si sa che il Canada è uno dei più grandi polmoni verdi del mondo: rispetto alla sua estensione, infatti, la densità di popolazione è molto bassa. Occupando gran parte dell’emisfero boreale, ha un inverno molto rigido, che dura da ottobre fino ad aprile. In alcune zone le temperature possono arrivare anche a oltre -30 °C, tanto da costringere gli abitanti delle grandi città a costruire delle vere e proprie città sotterranee (come a Montreal e Toronto), con negozi e aree pubbliche attrezzate che si sviluppano per chilometri.

 

I Solari di Rimini in Val-Jalbert (Québec)

Sorprendono queste città, che mantengono viva la cultura (fortemente ereditata dal colonialismo francese e britannico) di pari passo con il grande sviluppo commerciale tipico del “nuovo mondo”. Così, in mezzo agli svettanti grattacieli dalle city, puoi trovare cattedrali in stile gotico con bellissime vetrate colorate e poco lontano quartieri con tipiche “terraced houses”, palazzi in pietra ma anche botteghe e pub dalle insegne colorate, che derivano della tradizione nord-europea (un esempio è la bellissima città di Québec).

 

Ma aldilà delle metropoli, che nulla hanno da invidiare a quelle statunitensi, anzi, rispetto a queste, più sicure e socialmente virtuose, per la positiva sinergia fra le varie etnie e comunità presenti da qualche secolo, il bello del Canada è proprio la natura selvaggia. Per questo non poteva mancare fra i nostri viaggi!

 

Viaggiare in Canada può essere faticoso... ci sono centinaia di chilometri di distanza fra i punti di maggior interesse, uniti da grandi autostrade ma intervallati da laghi e boschi a perdita d’occhio. Quindi il nostro consiglio è programmare una vacanza a medio/lungo termine, in auto o, meglio, in bus turistici organizzati, con destinazione grandi città e parchi. Andiamo a conoscere “chi abita fuori città”...

 

I Solari di Rimini nel grande parco della città di Québec - Canada

 

Andare in Canada significa incontrare almeno una volta l’orso! Niente paura, ci sono alcuni parchi con punti di osservazione per tutti, bambini e adulti, come quello di Rivière-à-Mars (nella regione di Saguenay-Lac-Saint-Jean), dove le guide specializzate di Okwari Adventures ti portano in tutta sicurezza ad osservare l’Orso Nero nel suo habitat naturale. Puoi imparare a riconoscere le tracce che gli orsi lasciano sui tronchi degli alberi, lungo facili sentieri e ammirare arcobaleni perenni creati da spettacolari cascate in mezzo a stretti canyon. Anche le escursioni in canoa sui laghi circondati da soli boschi, alla scoperta delle dighe dei castori, sono rilassanti e divertenti. E c’è sempre qualche sorpresa: come conoscere nel bosco le abitudini delle comunità dei nativi americani, che, prima della loro scomparsa, vivevano in armonia con la natura.

 

Immancabile è l’appuntamento, poi, con... le balene! Dal porto di Tadoussac partono escursioni in barche e gommoni di varie dimensioni alla volta del loro avvistamento. Qui il fiume Saguenay si incontra con il San Lorenzo, creando un grande bacino con un ecosistema marino protetto, veramente speciale: le correnti atlantiche creano l’ambiente ideale per lo sviluppo del krill, l’alimento principale dei cetacei che vengono qui a trascorrere intere stagioni... Ci si avventura al largo, muniti di binocolo e fotocamere attrezzate, poi spenti i motori si attende... non ci vorrà molto per iniziare a vedere affiorare in superficie beluga bianchi, orche, balene nere, balenottere minori, e se si è fortunati anche la balena azzurra! Alcune arrivano anche a pochi metri... sono emozioni indimenticabili!

 

Se sei interessato alla biodiversità della fauna boreale, ci sono parchi unici dove, in un’area limitata ma vasta e completamente naturale, puoi osservare specie diverse vivere libere, come allo Zoo Sauvage di Saint Felicien, un safari più che un classico zoo. Se, invece, sei curioso della storia e della vita quotidiana delle prime comunità di coloni puoi visitare le ricostruzioni dei villaggi con abitanti in costume d’epoca, come nel villaggio “fantasma” di Val-Jalbert sorto intorno ad una cartiera con mulino azionato da una cascata.

 

I Solari di Rimini nel parco di Rivière-à-Mars - Quebec

 

L’acqua è quindi la protagonista del Canada orientale: come nelle famose Cascate del Niagara. Oggi, intorno è un’area fortemente urbanizzata a causa dei flussi turistici che giungono inevitabilmente sia dal versante statunitense che da quello canadese. Ma basta concentrarsi sull’acqua e ignorare il cemento che fa da sfondo. È uno spettacolo unico che si presenta sia dall’alto che dal basso, per chi si avventura sotto con i traghetti, finendo in una vera doccia rinfrescante! Qui ti accorgi dell’incredibile la potenza dell’acqua, che però è causa di erosione e fa indietreggiare la cascata ogni anno di circa 30 centimetri. Motivo per cui il flusso è ridotto nelle ore notturne. Chissà quanto ancora potremo godere di questo spettacolo!

 

C’è tanto ancora da raccontare sul Canada: speriamo possa scoprirlo tu, con un viaggio che ti farà comprendere davvero la vastità ma anche la fragile bellezza del nostro pianeta e dei suoi abitanti... ricordandoti sempre di portare con te, come abbiamo fatto noi, i nostri... Solari!  ;-)

 

Commenti Scrivi un commento

Nessun commento inserito. Scrivi tu il primo!